400 capi scout rispondono a Repubblica.it (e all’AGESCI). In modo chiaro e inaspettato

 

Una vignetta satirica sulla recente polemica capi scout / omosessualità.

da Sottoscrivi6maggio2012.weebly.com


“Non amiamo a parole o con la lingua, ma con i fatti e nella verità” (1Gv, 3, 18)

Intimamente coinvolti dal dibattito che è scaturito a seguito dell’articolo di Marco Pasqua apparso su LaRepubblica.it venerdì 4 maggio 2012, desideriamo esprimere personalmente, a titolo individuale e non associativo, la nostra posizione. Siamo capi, formatori e quadri dell’AGESCI e facciamo quotidianamente del nostro meglio per svolgere con gioia, motivazione ed entusiasmo il nostro servizio educativo con i ragazzi che ci sono liberamente affidati da adulti fiduciosi nel metodo pedagogico scout, nel nostro senso civico e nel nostro stile.

Fedeli al nostro metodo educativo, siamo estremamente attenti alle tematiche di genere, proponendo attività non emarginanti, non discriminanti e sensibili alle diverse condizioni e inclinazioni personali, sociali e politiche. Lavoriamo con convinzione per far crescere i ragazzi come persone significative, felici e serene nel rapporto con se stesse, col proprio corpo e con la propria originalità davanti a Dio e alla società.

Riteniamo che le differenze personali, così come le diversità di vedute, siano una ricchezza. Crediamo nel rispetto delle diversità e nel pluralismo. La nostra Associazione, anticipando spesso la stessa Chiesa, ha affrontato e affronta con coraggio i temi più attuali e anche più delicati. Non viviamo fuori dal mondo. Affrontiamo l’omosessualità con la serenità e la trasparenza dettata solo dal cercare il bene dei nostri ragazzi.

Crediamo fermamente che non si possa concepire, né tantomeno si possa ascrivere al nostro modo di pensare, che l’inclinazione sessuale, come l’omosessualità o l’eterosessualità, sia intrinsecamente e di per sé una discriminante per essere dei buoni capi educatori, né tantomeno per essere degli uomini e donne di valore a questo mondo. L’inclinazione sessuale di per sé non determina l’intenzionalità educativa, cuore pedagogico e operativo del nostro servizio.

Affermiamo pertanto che, come abbiamo osservato e osserviamo nella nostra stessa esperienza prima di ragazzi e ora di educatori, l’omosessualità non è un ostacolo né alla crescita delle persone come significative, responsabili e felici, né ad un’azione educativa ispirata ai valori del nostro Patto Associativo, che “esprime le scelte fatte dai Capi e dagli Assistenti ecclesiastici dell’Associazione, l’identità, l’impegno e le speranze” che condividiamo. Chiunque dotato di buon senso, affidabilità, gioia di rendersi utile, capacità di amare il prossimo e che scelga di mettere al centro della relazione educativa non se stesso ma il miracolo del ragazzo che cresce, può essere un ottimo capo meritevole di essere riconosciuto come educatore.

Nessun articolo del nostro Statuto, del nostro Patto Associativo, del nostro Regolamento né del nostro Regolamento metodologico opera discriminazioni in questo senso.

Manifestiamo il nostro più completo disappunto per le modalità con le quali il giornalista ha riportato i contenuti del documento pubblicato sul sito AGESCI (atti di un seminario che non costituiscono né documento ufficiale dell’Associazione, né linee guida per i capi in servizio), selezionando e generalizzando solo le dichiarazioni rilasciate a titolo personale dai relatori più radicali, quando avrebbe dovuto render conto anche delle più miti posizioni dei capi stessi, che hanno preso parola a conclusione dell’incontro e che chiudono l’ultimo capitolo del documento.

Siamo amareggiati dalle incomprensioni nate da un’informazione frammentaria e parziale come quella che ha dato vita al dibattito, e ci stupiamo invece di come non si possa dare atto che finalmente un’associazione vicina alla Chiesa cattolica, interpretando al meglio il suo ruolo profetico, abbia avuto il coraggio di affrontare con un incontro queste tematiche scegliendo di pubblicarne gli atti. Tuttavia, ci duole constatare da un lato che il seminario non sia stato adeguatamente pubblicizzato attraverso gli ordinari canali comunicativi dell’Associazione, al fine di consentire la più ampia partecipazione vista l’estrema rilevanza del tema, e dall’altro che, negli atti del seminario, che abbiamo letto con interesse ed attenzione, l’omosessualità sia definita uno “specifico problema”, evidenziandone un’accezione prettamente negativa.

In particolare, non possiamo fare a meno di prendere le distanze dall’intervento di Padre Compagnoni (assistente ecclesiastico del MASCI – Movimento Adulti Scout Cattolici Italiani -, associazione ben distinta dall’AGESCI), il quale, tra un luogo comune e l’altro, definisce l’omosessualità come “problema educativo”, e sottolinea il rischio che da essa possa derivare una testimonianza problematica. Siamo difatti fermamente convinti, come afferma peraltro anche l’intervento di Dario Contardo Seghi, ripreso anche dai lavori di gruppo, che l’orientamento sessuale non sia né debba essere un criterio di selezione dei capi, diversamente dalla loro capacità di rapportarsi ai ragazzi in modo costruttivo ed in coerenza con i valori del Patto Associativo, ambito di valutazione riservato ad ogni singola Comunità Capi.

Allo stesso modo, non ci riconosciamo neppure nell’affermazione secondo la quale, a priori, sarebbe sconsigliabile il coming out del capo omosessuale, poiché, al pari di qualsiasi altra scelta di vita giuridicamente lecita, non vediamo il motivo per cui i ragazzi non possano venire a conoscenza dell’orientamento sessuale del capo, ed i capi dovrebbero nascondere un qualsiasi aspetto della propria vita ai ragazzi, contravvenendo al principio di lealtà che caratterizza il rapporto capo-ragazzo. Più che il coming out, vanno allora a nostro avviso condannate tutte quelle forme di eccessivo protagonismo o di autoreferenzialità del capo, che, offrendo una spettacolarizzazione di aspetti della propria vita privata, minano la relazione educativa capo-ragazzo.

L’Associazione, forse in preda allo stesso perbenismo e agli scrupoli del politicamente corretto che purtroppo rappresentano una deriva della nostra società, ha assunto una posizione troppo tiepida nel suo comunicato stampa affidato al sito istituzionale, e siamo addolorati che a tutt’oggi non abbia invece condannato fermamente l’immagine distorta che l’articolo del 4 maggio offre del nostro movimento, dei principi che lo caratterizzano e del nostro fare educazione nell’umiltà. Il nostro Patto Associativo, difatti, ci ricorda che “la diversità di opinioni presenti nell’Associazione è ricchezza e stimolo all’approfondimento delle nostre analisi; tuttavia non deve impedirci di prendere posizione in quelle scelte politiche che riteniamo irrinunciabili per la promozione umana“. E, certamente, in questo caso ci saremmo aspettati una presa di posizione ferma e determinata proprio in favore della promozione della persona in quanto tale.

Ci auguriamo che l’AGESCI sappia fare tesoro di quanto accaduto, e non dubitiamo che questo sia solo il primo passo di una riflessione che coinvolgerà tutte le nostre Comunità Capi, i vertici associativi e l’associazionismo LGBT nello spirito fraterno che sempre ci caratterizza.

Questa presa di posizione è necessaria perché né i nostri ragazzi e ragazze, né i nostri capi possono essere tacciati di omofobia, intolleranza o anche solo di ottusità o mancanza di buon senso. I valori che cerchiamo di proporre giorno dopo giorno, con gli strumenti del nostro metodo, col gioco, con le esperienze e la gioia dello stare insieme non vanno certamente in quella direzione.

Firenze, 6 maggio 2012

sottoscrivi6maggio2012@gmail.com

1. William Chiaromonte, Firenze 12, capo gruppo e capo campo CFM L/C
2. Federico Di Salvo, Firenze 12, Iabz L/C zona Firenze Est
3. Elena Gelain, Firenze 12, capo gruppo, comitato di zona Firenze Est
4. Niccolò Nocentini, Firenze 12, capo clan, comitato di zona Firenze Est
5. Camilla Burchietti, Pistoia 2, capo branco
6. Greta Ricci, Firenze 7, capo branco
7. Silvia Baldini, Molveno 1, capo branco
8. Francesco Palermo, Firenze 12, aiuto capo branco
9. Sandro Montefusco, Monteforte Irpino 1, capo branco
10. Maria Chiara Leandri, Valtiberina 1, capo reparto
11. Simone Silva, Roma 139, capo branco e Iabz L/C zona Cassiopea
12. Fabio Semonella, Cardito 1, aiuto capo reparto
13. Ilaria Blarzino, Cittadella 4, Iabz R/S zona Padova del Brenta
14. Fabrizio Marconi, Casciana Terme 1, capo reparto
15. Vincenzo Fogliano, Roma 139
16. Claudia Cinelli, Firenze 12, aiuto capo branco
17. Chiara Bolasco, Roma 9, maestra dei novizi
18. Laura Gennaro, Roma 139, aiuto capo gruppo
19. Jessica Costa, Schio 3, capo reparto e capo gruppo
20. Natale Surace, Viareggio 5, capo branco
21. Letizia Nidiaci, Firenze 12, aiuto capo reparto
22. Serena Quattrociocchi, Guarcino 1, capo clan
23. Fiammetta Dantini, Firenze 12, capo branco
24. Emilio M. Rocchi Cartoni, Roma 9, maestro dei novizi
25. Salvatore Iermano, Avellino 3, aiuto capo branco
26. Lorenzo Fiesoli, Firenze 21, capo clan
27. Costanza Ciattini, Firenze 7, capo branco
28. Cinzia Tagliabue, Como 1, capo reparto
29. Elena Ferretti, Roma 9, capo reparto
30. Valentina Pugi, Firenze 7, capo reparto, Iabz E/G zona Firenze Est
31. Nicoletta Caberlin, Padova 6, aiuto capo branco
32. Giulio Budini, Firenze 7, aiuto capo reparto
33. Francesco Cusimano, Firenze 7, aiuto capo branco
34. Marcello Frizzera, Molveno 1, capo branco
35. Paola Trusel, Abbadia 1, capo reparto
36. Chiara Trusel, Abbadia 1, capo branco
37. Francesca Fortunato, Frascati-Grottaferrata, aiuto capo branco
38. Simone Sosio, Como 1, capo gruppo
39. Rachele Bargagna, Pisa 2, aiuto capo clan
40. Marco Ferriani, Firenze 7, aiuto capo branco
41. Flavia Fortunati, Roma 139, aiuto capo branco
42. Daniela Scaldini, Pistoia 2, capo branco
43. Silvia Busti Ceccarelli, Como 1, capo branco
44. Niccolò Solfanelli, Siena 3, Iabz L/C zona Siena
45. Silvia Volpe, Genova 15, capo gruppo e capo clan
46. Ginevra Ercoli, Firenze 12, capo clan
47. Gianandrea Rizzi, Caravaggio 1, aiuto capo branco
48. Gianna Maria Baricordi, Alghero 4, aiuto capo reparto
49. Andrea Francesco Rotunno, Frascati 1, capo branco
50. Eva Angeloni, Firenze 2, aiuto capo branco e Iabz L/C zona Firenze Ovest
51. Paola Carbone, Genova Levante, capo gruppo e capo clan
52. Piero Baldassini, Firenze 19, capo gruppo
53. Matilde Sarti, Roma 17, capo branco
54. Marcello Degl’Innocenti, Borgo San Lorenzo 1, capo gruppo
55. Nicola Cabras, Quartu 3, capo clan
56. Federica Spinelli Bini, Firenze 12, capo reparto
57. Francesca Bizzeti, Firenze 2, capo reparto
58. Margherita Lauricella, San Martino 1, aiuto capo clan
59. Valentina Porceddu, Quartu 3, aiuto capo reparto
60. Riccardo Bertozzi, San Martino 1, maestro dei novizi
61. Riccardo Del Carlo, Capezzano 1, capo gruppo
62. Anna Maria Tessa, Capezzano 1, capo gruppo
63. Roberta Melis, Quartu 3, capo reparto
64. Andrea Ibba, Quartu 3, aiuto capo clan
65. Michele Bressan, San Vito di Leguzzano 1, aiuto capo
66. Elisa Calfa, Brescia 9, capo branco
67. Luca Fornasari, Parma 2, capo reparto
68. Michele Crosara Selvatico, San Vito di Leguzzano 1, aiuto capo
69. Eleonora Melinato, Resana 1, capo branco
70. Tommaso Pedani, Firenze 12, capo reparto
71. Giovanni Palagi, zona Firenze Ovest
72. Marta Cavanna, Genova 18, capo reparto
73. Stefania Ticci, Borgo San Lorenzo 1, capo gruppo e capo clan
74. Tommaso Pucci, Brescia 9, aiuto capo reparto
75. Elena Casucci, Val di Mugnone, aiuto capo branco
76. Flavia Bicenio, Genova 15, capo branco
77. Chiara Coperchini, Noceto 1, capo reparto
78. Marta Zamparelli, Pisa 5, capo branco
79. Roberta Minari, Parma 8, capo clan
80. Roberto Codazzi, Lumezzane 1, capo reparto
81. Anna Maria La Placa, Empoli 1, maestra dei novizi
82. Miriam Bruni, Firenze 19, aiuto capo branco
83. Paola Maffini, Noceto 1, maestra dei novizi
84. Rachele Bosio, Brescia 9, capo reparto
85. Daniele Scarlata, Genova 51, capo branco
86. Gloria Vicari, Noceto 1, capo clan
87. Maria Laura Vicari, Noceto 1, capo gruppo
88. Irene Vicari, Noceto 1, aiuto capo branco
89. Anna Benvenuto, Genova 18, capo branco
90. Eleonora Carboni, Arezzo 2, capo branco
91. Federico Capocasa, Parma 8, capo branco
92. Federico Andreazzoli, Pisa 4, maestro dei novizi
93. Lucia Rindi, Pisa 3, capo cerchio
94. Francesca Superbi, Firenze 19, capo gruppo
95. Angela Saccardo, San Vito di Leguzzano 1, capo branco
96. Ilaria Caradonna, Molfetta 2, capo reparto
97. Michele Patti, Genova 15, capo reparto
98. Andrea Crudeli, Pisa 1, capo cerchio
99. Francesca Marullo, zona di Parma, capo clan universitario
100. Pietro Ducange, Pisa 3, capo clan
101. Lorenzo Facci, Thiene 1, capo unità L/C
102. Francesco Chiesi, Val di Mugnone 1, capo campo CFA
103. Marco Bossi, Cormano 1
104. Elena Scala, Merano 1, aiuto capo reparto
105. Giacomo Citton, Bassano del Grappa 4, capo reparto
106. Maurizio Marzano, Pavia 4, aiuto capo branco
107. Federico Medda, Novara 6, aiuto capo branco
108. Nicola Raffaelli, Capezzano 1, aiuto capo branco
109. Dona Iaccarino, Piano di Sorrento 1, aiuto capo reparto
110. Alessandro Costanzo de Castro, Genova Levante, capo gruppo e capo clan
111. Elena Lowenberger, Genova Lenvante
112. Salvatore Griffo, Pisa 5, capo clan
113. Eleonora Balaceanu, Avellino 3, capo gruppo
114. Riccardo Pietracaprina, Firenze 12, capo branco
115. Valeria Rosso, San Vito di Leguzzano 1, capo branco
116. Giacomo Dall’Aglio, Noceto 1, capo gruppo
117. Daniele Di Punzio, San Francesco al Campo 1, capo gruppo
118. Caterina Milazzo, Bagno a Ripoli 1, capo branco
119. Giorgio Sanniccolò, Rivereto 1, capo branco
120. Carlo Delcassi, Brescia 9, capo reparto
121. Emanuele Fusi, Como 1, capo reparto
122. Elisa Seregni, Cormano 1, capo branco
123. Daniele Radaelli, Cinisello Balsamo 3, capo clan
124. Cecilia Piatti, Milano 12, capo branco
125. Simone Alberganti, San Francesco al Campo 1, capo clan, comitato di zona e capo campo CFT
126. Silvia Nobili, Roma 136, aiuto capo reparto
127. Andrea Mondin, Schio 6, aiuto capo branco
128. Luca Bartolini, Piombino 2, capo clan
129. Erika Grasso, Valle Tanaro 1
130. Nadir Gibelli, Genova 15, capo gruppo e capo branco
131. Elena Delzanno, Sesto Calende 1, capo reparto
132. Giorgia Molinari, Roma 84, aiuto capo reparto
133. Adriano Stecher, Genova Levante, aiuto capo clan
134. Stefano Lasagni, Reggio Emilia 3, capo branco
135. Benedetta Caliari, Mori 1, capo branco
136. Enrico Roagna, Valle Tanaro 1
137. Chiara Baldazzi, Cesena 9, capo gruppo
138. Giulio Breglia, Roma 1, capo reparto
139. Alice Vergani, Pioltello 1, capo reparto
140. Alessia Camuffo, Milano 12, capo branco
141. Michele Suprani, Forlì 12, capo reparto
142. Nicola Roncoli, Capezzano 1, capo branco
143. Stefano Segino, Valletanaro 1, aiuto capo branco
144. Silvia Libondi, Vicenza 1, maestra dei novizi
145. Franco Caroleo, Roma 1, capo clan
146. Nicola Bianchi, Mori 1, capo branco
147. Andrea Campidelli, Cesena 9, capo clan
148. Andrea Gavazzi, Milano 45, capo branco
149. Alberto Caleari, Vicenza 1
150. Serena Ripari, Porto Sant’Elpidio 1, capo reparto
151. Simona Ripari, Porto Sant’Elpidio 1, aiuto capo branco
152. Gaia Lippa, Firenze 12, aiuto capo reparto
153. Giulia Solinas, Quartu 3, capo branco
154. Chiara Senatori, Firenze 12, maestra dei novizi
155. Carmen Bagalà, Pisa 3, capo reparto e Iabz E/G zona Pisa
156. Giulia Terzani, Val di Mugnone 1, capo branco
157. Giovanni Bella, Milano 45, capo branco
158. Giovanni Bonaccorsi, Pisa 3, aiuto capo cerchio
159. Giuseppe Cantavenera, Pisa 1, aiuto capo cerchio
160. Priscilla Ravasini, Roma 1, capo reparto e capo gruppo
161. Costanza Caccia Dominioni, Milano 45, capo clan
162. Daniele Martella, Firenze 15, aiuto capo branco
163. Mattia Bertolini, Mori 1, capo reparto
164. Giulio Lorenzi, Pisa 2, capo branco
165. Fiammetta Winchler, Milano 45, capo reparto
166. Iulia Totò, Porto Sant’Elpidio1, capo branco
167. Marta Bolognesi, Genova 29, maestra dei novizi
168. Giorgio Formaggio, Biella 2, capo branco
169. Lorenzo Dall’Oro, Genova Levante, capo branco
170. Alessandra Carlini, Alghero 1, capo clan, pattuglia internazionale regionale
171. Irene Toscani, Parma Nord Ovest, capo branco
172. Costanza Gariboldi, Pistoia 4, aiuto capo branco
173. Stefano Borsi, Rivarolo 1, capo gruppo e capo reparto
174. Carola Calcagno, Genova 40, aiuto capo branco
175. Daniele Bonamigo, Bassano del Grappa 3, aiuto capo cerchio
176. Francesca Crinelli, Firenze 2, aiuto capo reparto
177. Irene Gabardi, Merano, capo reparto
178. Zanobi Tosi, Firenze 12, capo a disposizione
179. Michele Pizzetti, Firenze 12, maestro dei novizi
180. Marco Lauretta, Comitato di Zona Levante, Responsabile di Zona
181. Agnese Dell’Antico, Bientina 1, capo gruppo e capo clan
182. Caterina Fontana, Genova Levante, aiuto capo reparto
183. Sandro Passuello, Pisa 2, aiuto capo reparto
184. Giulia Barella, Sant’Ambrogio 1, aiuto capo reparto
185. Benedetta Chiossi, Genova Levante, capo reparto
186. Mariachiara Castelpietra, Mori 1, capo branco
187. Grazia Li Greci, Pistoia 2, aiuto capo reparto
188. Paolo Bill Valente, Merano 1, capo clan
189. Serena Scorzelli, Asti 1, capo reparto
190. Claudio Barella, Sant’Ambrogio 1 capo a disposizione
191. Federica Rocco, Genova Levante, capo branco
192. Federica Di Minica, Palermo 16, capo branco
193. Elena Giuliana, Venezia 6, capo branco
194. Laura Mecchi, Roma 136, capo gruppo e capo clan
195. Marco Giuliani, Sant’Elpidio 1, capo reparto
196. Luca Morgani, Roma 64, aiuto capo reparto
197. Ilaria Balboni, Firenze 13, capo gruppo
198. Miguel Barbieri, Firenze 13, capo gruppo e capo branco
199. Marco Spennati, Firenze 13, aiuto capo branco
200. Elisa Maltagliati, Firenze 13, capo branco
201. Martina Cantini, Firenze 13, capo reparto
202. Guido Cantini, Firenze 13, capo reparto
203. Leonardo Stella, Firenze 13, aiuto capo reparto
204. Francesca Capano, Firenze 13, aiuto capo reparto
205. Paola Granieri, Firenze 13, maestra dei novizi
206. Paolo Nardini, Firenze 13, capo clan
207. Susanna Donnini, Firenze 13, capo clan
208. Chiara Martino, Roma 64, capo branco
209. Elisabetta Ferraro, Novara 6, capo branco
210. Mario Bolzoni, Parma Nord-Est, aiuto capo branco
211. Giancarlo Collura, Palermo 16, aiuto capo reparto
212. Sara Rotunno, Frascati 1, maestra dei novizi
213. Simone Campus, Sassari 7, maestro dei novizi
214. Davide Lorigiola, Vicenza 1, maestro dei novizi
215. Bruno Bozzi, Parma Nord-Est, capo branco
216. Livia Pasquero, Valle Tanaro 1, capo fuoco e Iabz L/C
217. Laura Zoppi, Genova 15, capo branco
218. Paolo Ventura, Bolzano 4, capo reparto
219. Serena Silvestrino, Genova 15, aiuto capo branco
220. Lorenza Faccin, Bolzano 4, aiuto capo branco
221. Enrico Costantino, Roma 25, capo clan
222. Laura Maria Lazzari, Roma 25, capo branco
223. Ilaria Bruno, Cinisello Balsamo 3, capo branco
224. Fabio Caria, Alghero 1, capo branco e capo gruppo
225. Vincenzo Colonella, Acquaviva Picena 1, capo branco
226. Valeria Amendola, Roma 70, capo branco
227. Rocco Marziali, Roma 70, capo branco
228. Pietro Marziali, Roma 70, capo reparto
229. Giulia Palombi, Roma 70, aiuto capo reparto
230. Irene Rossi, Roma 70, capo reparto
231. Paolo Marziali, Roma 70, aiuto capo reparto
232. Alessandro De Razza, capo clan
233. Federico Avanzini, Genova 36, aiuto capo reparto
234. Massimo Ivaldi, Parma 5, capo clan
235. Elena Stefanini, Parma 5, maestra dei novizi
236. Andrea Greselin, Torri 1, capo reparto
237. Chiara Anastasi, Cinisello Balsamo 3, capo gruppo
238. Paolo Colonnella, Acquaviva Picena 1, capo gruppo
239. Angelica Tinazzi, Manerbio 1, aiuto capo reparto
240. Matteo Daniele Neri, Roma 64, maestro dei novizi
241. Davide Salvo, Firenze 21, capo clan
242. Alessandro Ferrari, Piacenza 2, capo clan e Iabz R/S
243. Elena Rocco, Genova Levante, capo branco
244. Margherita Malacarne, Pisa 2, aiuto capo reparto
245. Francesca Palombi, Roma 70, aiuto capo clan
246. Francesco Pirrone, Piombino 2, aiuto capo reparto
247. Giacomo Nasini, Porto Sant’Elpidio 1, aiuto capo reparto
248. Carlo Möseneder Frajria, Merano 1, capo gruppo
249. Angelo Colucci, Roma 129, aiuto capo branco
250. Ester Tagliapietra, Thiene 1, capo reparto
251. Donatella Balzarini, Merano 1, capo clan
252. Stefania Bontorin, Bassano del Grappa 4, maestra dei novizi
253. Costanza De Paolis, San Francesco al Campo, capo branco e Iabz L/C
254. Alessandro Porrà, Porto San Giorgio 1, capo branco
255. Ilaria Troncacci, Bracciano 1 capo branco e capo gruppo
256. Sara Simon, Sant’Ambrogio 1, aiuto capo branco
257. Daniele Sala, Bracciano 1, capo clan
258. Linda Carlocchia, Potenza Picena 1, capo clan
259. Radoni Valentina, Sant’Ambrogio 1, capo gruppo
260. Marco Matè, Porto Sant’Elpidio 1, aiuto capo branco
261. Paola Chiesa, Castel San Giovanni 1, capo fuoco e Iabz R/S
262. Speranza Ferruzzi, Pisa 1, aiuto capo reparto
263. Giorgio Trucco, Sanremo 1, capo clan
264. Giulia Taddei, Firenze 21, capo branco
265. Marco Montanari, San Martino 1, capo clan
266. Tommaso Caldarelli, Roma 84, capo reparto
267. Annalisa Scarpa, Padova 6, capo a disposizione
268. Cristiano Marini, Pisa 3, maestro dei novizi
269. Giuliana Giordani, Bolzano 4, capo gruppo
270. Roberto Franceschini, Capezzano 1, capo clan
271. Carlo Alberto Stevanin, Cavezzo 1, capo gruppo e Iabz R/S zona Modena
272. Giulia Corradi, Sanremo 1, aiuto capo branco
273. Matteo Bullettini, Lucca Ponte 1, capo reparto
274. Don Angelo Pioli, Capezzano 1, assistente ecclesiastico
275. Chiara Di Maio, Genova 13, aiuto capo branco
276. Caterina Cantoni, Milano 45, capo reparto
277. Fabriciana Elisa Balderi, Lucca Ponte 1, capo reparto
278. Martina Piccinini, Lucca Ponte 1, capo clan
279. Stefano Battistoni, Lucca Ponte 1, capo clan
280. Anna Bertoncini, Lucca Ponte 1, aiuto capo cerchio
281. Giacomo Ragusa, Lucca Ponte 1, aiuto capo reparto
282. Patrizia Lorenzoni, Lucca Ponte 1, maestra dei novizi
283. Giulia Giambastiani, Lucca Ponte 1, aiuto capo cerchio
284. Daniele Ciardella, Lucca Ponte 1, aiuto capo cerchio
285. Alessandro Benedetti, Lucca Ponte 1
286. M. Ornella Fulvio, Lucca Ponte 1
287. Alessio Baldazzi, Cesena 9, aiuto capo branco
288. Daniele Medori, Porto Sant’Elpidio 1, aiuto capo branco
289. Daniele Virgili, Manziana 1, capo branco
290. Angela Meucci, Pisa 3, capo gruppo
291. Federico Casali, Formigine 1, aiuto capo clan
292. Emanuele Innocca, Roma 64, capo branco
293. Silvia Girotti, Bologna 10, maestra dei novizi
294. Andrea Novelli, Genova 23, capo colonia
295. Tania Canepa, Genova 23, capo colonia
296. Federica Ripa, Porto San Giorgio 1, capo a disposizione
297. Andrea Gaddi, Merano 1, maestro dei novizi
298. Giuseppe Forino, Monteforte Irpino 1, aiuto capo clan
299. Alessandro Chiappini, Gossolego 1, capo clan
300. Maurizio Garaventa, Genova 48, capo gruppo
301. Cecilia Magatti, Como 1, capo cerchio
302. Giovanni Cresci, Firenze Ovest, responsabile di zona
303. Paola Tombolato, Cittadella 4, aiuto capo branco
304. Maria Alice Griggio, Padova 6, capo gruppo
305. Francesco Buti, Piombino 2, aiuto capo reparto
306. Francesca Casanova, Genova 14, capo clan e responsabile di zona Valbisagno
307. Giorgio Caruso, Genova 54, aiuto capo reparto e Iabz E/G zona Ponente
308. Cecilia Billi, Montepulciano 1, capo branco e capo gruppo
309. Lucia Schiaffino, Genova 14, capo branco e Iabz L/C
310. Giulia D’Auria, Roma 84, capo reparto
311. Giulia Scarpa, Roma 70, maestra dei novizi
312. Andrea Bisogno, Genova 14, capo clan
313. Enrico Eleuteri, Piombino 2, capo branco, incaricato P.C. zona Costa Etrusca
314. Angela Faloppa, Motta 1, capo clan
315. Simone Taccetti, Empoli 1, aiuto capo reparto
316. Maria Calvini, Genova 18, maestra dei novizi
317. Tullia Spinedi, Roma 63, capo clan e capo gruppo
318. Valerio Colomasi, Roma 97, aiuto capo branco
319. Martina Colomasi, Roma 97, capo reparto
320. Luigi Scerre, Ancona 8, capo a disposizione
321. Pietro Barabino, Genova 5, capo reparto
322. Andrea Bascucci, Rimini 3/6, capo clan e Iabz E/G zona Rimini
323. Lorenzo Russi, Foligno 3, capo clan
324. Niccolò Bassani, Milano 31, maestro dei novizi
325. Tommaso Grilli Ruggieri, Genova 5, aiuto capo reparto
326. Alessandro Franchi, Brescia 1, capo reparto
327. Luigi Cornaglia, Genova Levante, capo branco
328. Tommaso Maghini, Padova 8, capo reparto
329. Andrea Sartori, Roma 97, capo reparto e capo gruppo
330. Eleonora Schembri, Roma 97, capo clan
331. Paola Ranieri, Roma 135, capo gruppo
332. Giacomo Montanari, Genova 16, capo gruppo
333. Giuseppe Dini, Vado 1, capo a disposizione
334. Mattia Perseghin, Padova 8, capo branco
335. Giulia Barbieri, Genova 16, capo clan e capo gruppo
336. Agnese Pergola, Roma 121, capo gruppo
337. Annalisa Marchioni, Sant’Ambrogio 1, capo reparto
338. Michele Fazio, Roma 121, capo gruppo e capo branco
339. Federico Robbiano, Genova 29, aiuto capo reparto
340. Giulia Bertamino, Genova 16, capo branco e IABZ L/C zona Centro
341. Daniele Ortolani, Roma 126, capo gruppo e capo clan
342. Davide Comunale, Roma 97, capo clan
343. Valentina Monticone, Asti 1, capo clan
344. Giulia Polato, Monselice 1, aiuto capo branco
345. Sonia Cassol, Padova 9, aiuto capo reparto
346. Bruno Viano, Padova 9, capo branco
347. Martina Mineo, Ancona 8, capo reparto
348. Roberta Gherardi, Milano 92, capo branco
349. Davide Lotti, zona di Rimini, capo campo settore specializzazioni
350. Eros Paradisi, Porto San Giorgio 1, capo clan
351. Andrea Maffia, Sesto Fiorentino 1, capo reparto
352. Luca Sasdelli, San Lazzaro Le Mura 2, capo a disposizione e formatore nazionale
353. Salvatore Ciulla, Agrigento 2, capo clan e responsabile di zona
354. Annalisa Baldi, Roma 91, capo reparto
355. Livia Vallini, Pisa 5, capo a disposizione
356. Alice Muzzioli, Genova 29, aiuto capo reparto
357. Secondo Girotto, Sospirolo 1, capo a disposizione
358. Paolo Campajola, Ivrea 3, capo branco
359. Arianna Collina, Roma 121, capo clan
360. Erica Poletti, Cuorgnè 1, capo reparto
361. Francesca Genisio, Cuorgnè 1, capo clan
362. Paolo Barbera, Messina 2, capo branco e incaricato alla Protezione Civile Zona dello Stretto
363. Virgilio Genova, Roma 120, capo reparto
364. Francesco Caratozzolo, Genova 5, capo clan
365. Lapo Miccinesi, Firenze 2, capo reparto
366. Francesca Carrobbio, Brescia 1, capo clan
367. Laura Muccioli, Rimini 4, capo reparto
368. Cristiano Finotto, Motta di Livenza 1, capo clan
369. Silvia Tagliaferri, Genova 25, capo gruppo
370. Cosimo Magnelli, comitato di zona Firenze Ovest e assistant CFA
371. Luca Carini, Piacenza 2, maestro dei novizi
372. Pino Gentile, comitato regione Sicilia
373. Lorenzo Bocca, Roma 64, capo reparto
374. Davide Brevi, Cassano d’Adda 1, capo gruppo
375. Ulrico Cristini, Roma 121, aiuto capo reparto
376. Alberto Speroni, Genova 16, maestro dei novizi
377. Antonio Carlo, Messina 3, capo reparto
378. Nunzio Walther Turiaco, consigliere generale regione Sicilia
379. Paolo Nunziante, Genova 5, aiuto capo branco
380. Roberto Buffa, Abbadia 1, capo branco, IABZ L/C zona Monviso, formatore CFM
381. Michela Berdini, Porto San Giorgio 1, capo clan, IABZ R/S, assistant CFM R/S
382. Alberto Barbati, Sassuolo 1, capo gruppo e capo clan
383. Costanza Saccomani, Firenze 19, capo a disposizione
384. Fabio Fiamberti, Trezzano sul Naviglio 1, capo gruppo
385. Marta Bolognesi, Genova 29, maestra dei novizi
386. Andrea Emmanuele, Roma 38, capo branco
387. Flavia Celentano, Genova 14, aiuto capo branco
388. Francesco Giacomantonio, Bracciano 1, capo reparto
389. Paola Del Zoppo, Bracciano 1, capo reparto
390. Massimiliano Di Salvo, Pescara 9, capo branco, formatore
391. Eleonora Marchioni, Sant’Antonino 1, capo reparto
392. Ceccoli Luigi, San Marino, Capo Gruppo
393. Stefano Radoni, Sant’Ambrogio 1, capo clan e IABZ
394. Livio Pannitteri, San Giorgio 1, capo branco
395. Matteo Petripaoli, Milano 81, staff R/S
396. Martina Giovannini, Roma 64, capo reparto
397. Luca Piai, Conegliano 1, aiuto capo reparto
398. Elio Bottari, Zona dello Stretto-Messina, capo censito in zona
399. Maresa Biondo, Zona dello Stretto-Messina, capo censito in zona
400. Daniele Di Bartolo, Messina 4, capo branco
401. Lisa Grillini, Padova 6, capo clan
402. Fabiola Scarizza, Roma 93, capo gruppo e capo clan
403. Nino Quinci, Messina 13, aiuto capo reparto
404. Rossella Cadoni, Treviso 3, capo reparto
405. Alessia Saccà, Messina 1, aiuto capo reparto
406. Leo Dell’Aglio, Zona dello Stretto-Messina, capo censito in Zona
407. Giusi Caminiti, Milazzo 1, capo branco
408. Corrado Bernardi, Lucca 4, comitato di Zona LuMaCa
409. Valentina Bar, Sant’Ambrogio 1, capo branco
410. Anna Minutoli, Messina 4, aiuto capo reparto
411. Giuliano Cannella, Porto San Giorgio, formatore R/S
412. Elisa Malavasi, Roma 95, capo clan
413. Lillo Rizzo, Messina 13, capo reparto
414. Lorenzo Lazzari, Marghera 1, aiuto capo clan
415. Chiara Bartoli, Bari 4, capo reparto
416. Claudia Celentano, Genova 14, maestra dei novizi, comitato di zona Val Bisagno
417. Gianfranco Simeone, Castelforte 1, capo branco

2 pensieri su “400 capi scout rispondono a Repubblica.it (e all’AGESCI). In modo chiaro e inaspettato

  1. Dal ’66 al ’74 sono stato nell’Asci e nell’Agesci fino al ’76, contemporaneamente nel Cngei e nell’Assoraider dal ’74 al ’76. Ho partecipato a 5 campi scuola e sono diventato capo, fondando un gruppo Agesci ancora attivo. Uscii dall’Agesci dato che il patto associativo uscito nel ’70 obbligava e obbliga i capi ad una scelta di fede testimoniata, cosa in contrasto con l’educazione che il metodo scout originale non prevede di trasmettere ai ragazzi ed ancor meno di includerla nella ordinaria programmazione delle attività. Le stesse palesi e forti contraddizioni religiose basate sulla fede e non sulla ragione, permettono agli “osservanti” di condannare l’omosessualità dato che già il sesso è un campo scomodo per la chiesa perchè ufficialmente non praticato da preti e suore cattoliche (sebbene il loro signore non glielo abbia vietato -visto che che è parte fondamentale della natura da “lui” creata-). Se fare sesso è da evitare se non per procreare e all’interno del matrimonio, figuriamoci chi lo pratica in modo omosessuale… E’ quindi senza speranza, cercare di risolvere ragionevolmente, questioni come l’omosessualità dei capi scout dell’Agesci visto che questa associazione dipende completamente dalla chiesa cattolica che nel 1916 tolse al Cngei il primato dello scoutismo razionale e originale perchè laico. Un ex capo dell’Agesci

  2. Quando avevo letto l’articolo di Marco Pasqua pubblicato da Repubblica.it avevo scritto qui di getto un commento che, alla luce di quanto leggo in questa risposta di oltre 400 capiscaout. non avrei dovuto scrivere. A dire il vero la curiosità mi aveva fatto leggere gli atti di quel convegno e mi ero piacevolmente impressionato da quanto era emerso nei vari gruppi di studio che si erano svolti durante quel convegno.Con questa risposta questi 400 capi hanno dimostrato di avere le idee chiare su come porsi di fronte alle persone omosessuali e dimostrano una lungimiranza che gli fa onore. Scrivere “ci stupiamo invece di come non si possa dare atto che finalmente un’associazione vicina alla Chiesa cattolica, interpretando al meglio il suo ruolo profetico, abbia avuto il coraggio di affrontare con un incontro queste tematiche scegliendo di pubblicarne gli atti” è segno di una coscienza di laici adulti e formati. Bravi, speriamo che tanti altri organismi in ambito cattolico si sveglino dal torpore di questi tempi e facciano altrettanto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *