Il matrimonio omosessuale

di Massimiliano Di Pirro,
Edizioni Giuridiche Simone, 2012,
pp. 176, € 18,00

Il matrimonio omosessuale - Massimiliano Di Pirro

L’art. 3 della Costituzione della nostra Repubblica dichiara che «tutti i cittadini sono eguali davanti alla legge senza distinzione di sesso»: sarebbe bastato applicare questo inequivocabile principio per ammettere il matrimonio tra persone dello stesso sesso. Invece questo principio-santuario — che impedisce ogni discriminazione basata sull’orientamento sessuale — è stato umiliato dal legislatore e dalla giurisprudenza per oltre 60 anni, da quel lontano 27 dicembre 1947 in cui fu promulgata la nostra Carta costituzionale.

Soltanto grazie alla normativa sovranazionale e ai provvedimenti dei giudici europei ha trovato, finalmente, attuazione. Un’attuazione, però, realizzata soltanto a metà, perché la Cassazione, con la sentenza n. 4184/2012, pur riconoscendo che la diversità di sesso non è più un presupposto necessario per contrarre matrimonio (la giurisprudenza riteneva addirittura che fosse un presupposto per l’esistenza stessa dell’atto matrimoniale), persevera diabolicamente nell’impedire la trascrizione del matrimonio omosessuale perché non è un istituto espressamente disciplinato dal legislatore, omettendo di considerare che non c’è alcun bisogno di una legge ordinaria che dica ciò che già affermano chiaramente la Costituzione e le norme sovranazionali.

Attendiamo fiduciosi il nostro Amleto, legislatore o giudice che sia, “to take arms against a sea of troubles and, by opposing, end them”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *