La finestra di fronte

regia di Ferzan Ozpetek, Italia 2003
con Raoul Bova, Massimo Girotti, Giovanna Mezzogiorno,
Filippo Nigro, Massimo Poggio

Giovanna e Filippo, giovane coppia romana in crisi, incontrano un vecchio solo e smemorato. I primi tentativi di capire chi sia risultano vani, finchè in aiuto di Giovanna viene Lorenzo, un giovane bancario che abita proprio di fronte a loro, che la donna spia di nascosto da mesi. Tra i due nasce una relazione, necessariamente breve dato che Lorenzo, promosso direttore, è in procinto di trasferirsi. Il vecchio ritrova la memoria, e torna a casa, ma Giovanna non riesce a dimenticare le sue poche parole di ammonimento: le saranno di aiuto, quando dovrà prendere una decisione importante. Ozpetek non cambia le traiettorie del suo modo di fare cinema, dopo il successo insperato del precedente “Le fate ignoranti”, e decide di stare a metà strada fra un sentimentalismo a volte troppo dolciastro ed una commedia della memoria dove i ricordi, ancorchè tragici, possano essere viatico per future scelte. Non tutto funziona, e la liaison tra la Mezzogiorno (divenuta ormai icona di un italico neo-sensibilismo fatto di slanci e pudori) ed un inespressivo Raoul Bova si insinua quasi come un corpo estraneo in una struttura altrimenti compatta. Ma basta la nobiltà antica dei gesti impercettibili di Massimo Girotti ad elevare la pellicola, ed a renderla degna di visione. (mymovies.it)

La finestra di fronte