Matrimoni e adozioni gay: in Francia il Senato approva la legge

da Il Fatto Quotidiano del 12 aprile 2013

Via libera a nozze e adozioni gay in Francia. Il Senato ha approvato il progetto di legge sul matrimonio e sulle adozioni da parte di coppie omosessuali.  Il testo è stato adottato dai senatori con pochissime modifiche, nessuna delle quali ha riguardato gli articoli principali della legge che consentirà il matrimonio e l’adozione di figli alle coppie gay.

Per queste modifiche minori, il testo tornerà a fine maggio all’Assemblea nazionale per il via libera definitiva. La legge, che è stata uno dei cavalli di battaglia della campagna elettorale di François Hollande ed è stata presentata dal ministro della Giustizia Christiane Taubira, è stata votata da tutti i gruppi della sinistra in Senato. Alcune defezioni tra i banchi della sinistra ha però messo in dubbio l’esito finale, dal momento che sulla carta la maggioranza della gauche in questo ramo del Parlamento è di soli 6 voti. Hanno compensato diversi senatori della destra e del centro che hanno votato in favore del testo.

IMG_0917

La proposta di legge era stata consegnata il 31 ottobre al Consiglio dei ministri e da quel giorno è partito l’iter, terminato al Senato, del provvedimento che era stato presentato come “matrimonio e adozione per tutti”. Prima dell’approvazione definitiva, la legge aveva già ricevuto il consenso delle enciclopedie francesi. I dizionari, infatti, hanno modificato la definizione di matrimonio. Prima si poteva leggere “atto solenne con il quale un uomo e una donna stabiliscono tra di loro un’unione”. Dalla prossima edizione ci sarà scritto: “Atto solenne con il quale due persone di sesso differente o dello stesso sesso stabiliscono tra di loro un’unione”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>