Papa Francesco: bimbi con genitori separati o gay, sfida educativa inedita e difficile

da La Repubblica del 4 dicembre 2014

“Ricordo il caso di una bambina molto triste che alla fine confidò alla maestra il motivo del suo stato d’animo: la fidanzata di mia madre non mi vuol bene“. Sono parole di Papa Francesco nella conversazione con i Superiori Generali, della quale ha dato una lunga sintesi “La Civiltà Cattolica” uscita ieri. “La percentuale di ragazzi che studia nelle scuole e che hanno i genitori separati – ha detto ancora Francesco – è elevatissima. Le situazioni che viviamo oggi dunque pongono dunque sfide nuove che per noi a volte sono persino difficili da comprendere. Come annunciare Cristo a questi ragazzi e e ragazze? Come annunciare Cristo a una generazione che cambia?”.

Secondo Francesco “bisogna stare attenti a non somministrare ad essi un vaccino contro la fede”. Per il Papa, i pilastri dell’educazione sono: “Trasmettere conoscenza, trasmettere modi di fare, trasmettere valori. Attraverso questi si trasmette la fede”. “L’educatore deve essere all’altezza delle persone che educa, deve interrogarsi su come annunciare Gesù Cristo a una generazione che cambia”, ha aggiunto Bergoglio. Quindi ha insistito: “Il compito educativo oggi è una missione chiave, chiave, chiave!”. Il Pontefice, riporta ancora la rivista dei gesuiti, ha citato alcune sue esperienze a Buenos Aires sulla preparazione che si richiede per accogliere in contesti educativi bambini, ragazzi e giovani che vivono situazioni complesse, specialmente in famiglia.

Il colloquio di Papa Francesco con i Superiori Generali degli Istituti di vita religiosa maschili è avvenuto lo scorso 29 novembre durante la 82sima assemblea generale della loro Unione (Usg). La sua pubblicazione, tuttavia, cade in un frangente politico – quello italiano – che proprio sulle unioni civili e diritti delle coppie omosessuali vede la maggioranza che sta al governo discutere in  maniera decisamente animata.

Intanto, un nuovo fuori programma per Bergoglio: lunedì sarà in una parrocchia romana, sulla Giustiniana, per assistere al presepe vivente organizzato dai fedeli.

cf. anche l’articolo pubblicato su gionata.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *