Philomena

Regia di Stephen Frears. Con Judi Dench, Steve Coogan, Sophie Kennedy Clark,
Anna Maxwell Martin, Ruth McCabe.
Titolo originale Philomena. Drammatico, durata 98 min.
Gran Bretagna, USA, Francia 2014. Uscita giovedì 19 dicembre 2013.

Mi era capitato di passare davanti alla tv mentre scorrevano i trailers di questo film e, pur avendo colto che meritava di essere visto, non avevo realizzato che c’erano degli aspetti che toccavano la tematica omosessuale e quella della religione cattolica. Un amico del gruppo mi ha inaspettatamente chiesto di andarlo a vedere e ho accettato. Ottima decisione. Come nel penultimo film recensito nel nostro sito (Behind the candelabra) anche questa pellicola merita di essere vista sia perché si ispira a fatti realmente accaduti ma anche per le recitazioni straordinarie, qui in particolar modo quella di Judi Dench. All’uscita dalla sala il mio amico mi ha fatto notare come la religione vissuta dogmaticamente ha prodotto in terra d’Irlanda sia queste vicende che le altre più recenti degli abusi su minori da parte di sacerdoti e religiosi cattolici. Una religione vissuta secondo questi paradigmi è lontana milioni di anni dal Vangelo…
G.

PhilomenaIrlanda

Recensione dal sito mymovies.it
Un film che sa commuovere, far pensare e divertire
di Giancarlo Zappoli
Irlanda, 1952. Philomena resta incinta da adolescente. La famiglia la ripudia e la chiude in un convento di suore a Roscrea. La ragazza partorirà un bambino che, dopo pochi anni, le verrà sottratto e dato in adozione.
2002. Philomena non ha ancora rinunciato all’idea di ritrovare il figlio per sapere almeno che ne è stato di lui. Troverà aiuto in un giornalista che è stato silurato dall’establishment di Blair e che accetta, seppur inizialmente controvoglia, di aiutarla nella ricerca. Gli ostacoli frapposti dall’istituzione religiosa saranno tanto cortesi quanto depistanti ma i due non si perdono d’animo.
Stephen Frears racconta in questo suo riuscitissimo film la storia vera di una madre alla ricerca del figlio perduto che Martin Sixsmith ha reso nota con il libro “The lost Child of Philomena Lee” che, pubblicato nel 2009, ha consentito a molte donne di sentirsi sostenute nel raccontare il loro ‘vergognoso’ passato. Frears di lei dice: “Incontrando la vera Philomena Lee ero sorpreso dal fatto che volesse venire sul set, cosa che ha fatto il giorno in cui veniva girata la scena terribile della lavanderia. Philomena è una donna magnifica, priva di autocommiserazione, che continua ad avere fede nonostante le ingiustizie subite”. Sta proprio nella chiusura di questa dichiarazione il senso profondo di un film che sa commuovere, far pensare e anche divertire. Perché sul grande schermo ne abbiamo già viste molte di vicende di madri che cercano i figli loro sottratti nei più diversi modi e Peter Mullan con Magdalene aveva già denunciato nel 2002 l’atroce situazione di queste giovani vite affidate a religiose accecate da una presunta fede.
Frears però ci fa sapere che Philomena non ha perso la fede (quella vera) e costruisce il suo film (grazie a due formidabili interpreti come Judi Dench e Steve Coogan) proprio sul confronto tra due persone che partono da punti di vista in materia estremamente distanti. Martin giornalista e studioso della storia della Russia non crede in Dio ed ha scarsa fiducia anche negli esseri umani di cui ha assaggiato sulla propria pelle la feroce doppiezza. Philomena non è una donna colta (legge romanzetti d’amore di cui ricorda ogni dettaglio) e avrebbe mille ragioni per essere divenuta una delle atee più rigorose ma non è così. Perché è riuscita, anche nella sofferenza più profonda, a non confondere Dio con coloro che hanno talvolta la pretesa (trasformata in potere prevaricatore e assoluto) di rappresentarlo.
Philomena e Martin si confrontano e anche si scontrano in materia (anche perché il giornalista non le risparmia mai il proprio scetticismo) ma non si tratta qui di chi abbia ragione o abbia torto. Si tratta piuttosto di un incontro che è sempre possibile quando si è capaci di andare al di là delle barriere che il pregiudizio erige tra le persone. Frears riesce a raccontarlo grazie all’umanità che ha pervaso i suoi film migliori e alle doti di narratore di grande spessore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *